Acidi grassi omega-3

Acidi grassi omega-3 – multitalenti per la salute

La nutrizione ha un influsso diretto sulla nostra salute. Un ruolo speciale vi svolgono gli acidi grassi omega-3, presenti in speciali oli vegetali, nella frutta in guscio e soprattutto, nella loro forma più efficace, nel pesce di mare.

Ma non preoccuparti, anche se quando si dice “acidi grassi” si pensa subito al grasso in generale. Qui invece vi sono differenze fondamentali.

Fettsäuren im Überblick | Doppelherz

In primo luogo, i grassi di dividono in saturi e insaturi. I grassi insaturi, che si trovano nella carne e nel latte intero e derivati, non devono essere assunti in misura eccessiva. Ma per un metabolismo sano abbiamo bisogno di determinati grassi buoni. Fanno parte di questi grassi “sani” gli acidi grassi omega-3 polinsaturi, soprattutto l’acido docosaesaenoico (DHA) e l’acido eicosapentaenoico (EPA).

Già nell’utero l’embrione ha necessità di EPA e DHA per lo sviluppo fisico e cognitivo. Gli omega-3 tuttavia hanno un ruolo importante a ogni età. Sono inoltre di grande rilevanza per il metabolismo cerebrale e la normale funzionalità cardiaca e contribuiscono a mantenere sani gli occhi. Non per niente i pregiati acidi grassi omega-3 sono definiti i multitalenti della salute!

Mangiamo troppo poco pesce!

I pregiati acidi grassi omega-3 sono una componente importante di una nutrizione sana. Ma purtroppo troppo spesso assumiamo piuttosto acidi grassi saturi tramite carne grassa o insaccati. Spesso nella nostra alimentazione entrano troppo di rado gli acidi grassi insaturi “buoni”.
In particolare i pesci di mare quali salmone, sgombro o aringa sono una ricca fonte di acidi grassi omega-3 quali l’acido docosaesaenoico (DHA) e l’acido eicosapentaenoico (EPA).

In effetti però, secondo la Società Tedesca per la Nutrizione, troppi mangiano molto meno pesce di quanto viene consigliato. Il 16% dei cittadini della Germania addirittura non mangia mai pesce. Anche per bambini e adolescenti la situazione nutrizionale non corrisponde alle raccomandazioni. Sarebbero ottimali 2 pasti di pesce alla settimana, almeno uno dei quali di pesce di mare.
Il nostro consiglio: comincia da subito a comprare regolarmente pesce fresco al mercato. Il filetto di pangasio ha un gusto molto delicato e quindi è particolarmente indicato per i “principianti” e per i bambini.

Omega-3 con EPA e DHA – settori d’impiego

Gli acidi grassi omega-3 EPA e DHA sono veri multitalenti e sempre più studi confermano la loro influenza favorevole in varie aree della salute. Alcuni scienziati affermano addirittura che il particolare sviluppo dell’uomo è stato reso possibile proprio dal “pesce” come fonte di nutrimento.

Per la normale funzionalità cerebrale:
La nostra capacità di apprendimento e di concentrazione è influenzata anche dai cibi che mangiamo. Soprattutto gli acidi grassi omega-3 possono contribuire a mantenere la normale funzionalità cerebrale, perché è stata dimostrata la presenza del massimo tenore di DHA proprio nelle aree del cervello attive metabolicamente, quali mitocondri, sinapsi e corteccia cerebrale. Premessa per un metabolismo cerebrale normale è quindi una quota sufficiente di acidi grassi DHA nei nostri alimenti. Si consigliano almeno 250 mg di DHA al giorno.

Per la normale funzionalità cardiaca:
Non solo moto, sonno e relax sono importanti per la salute del nostro cuore, ma anche la corretta nutrizione ricopre un grosso ruolo. L’apporto sufficiente di DHA ed EPA dà un prezioso contributo alla normale funzionalità cardiaca. Con un’assunzione giornaliera di 250 mg di EPA e DHA si ha già un effetto positivo.

Per la normale funzionalità visiva:
Mediante il senso della vista percepiamo circa l’80% di tutte le informazioni provenienti dal nostro ambiente. Un buon motivo per proteggere i nostri occhi e mantenerli sani. Anche in questo caso gli acidi grassi omega-3 ricoprono un ruolo importante perché sono componenti della retina e delle cellule fotorecettrici. Specialmente il DHA con un apporto giornaliero di 250 mg ricopre un ruolo positivo per il mantenimento della normale acuità visiva.

Durante la gravidanza e l’allattamento:
Già durante la gravidanza gli acidi grassi omega-3 EPA e DHA influiscono sullo sviluppo sano e normale degli occhi e del cervello del bambino. L’acido grasso DHA è una componente del cervello, del tessuto nervoso e degli occhi, e viene immagazzinato verso la fine della gravidanza e durante l’allattamento. Poiché la gestante fornisce il DHA al feto direttamente tramite il cordone ombelicale, si raccomanda un supplemento giornaliero di 200 mg di DHA oltre al consumo raccomandato di 250 mg di EPA/DHA.